Ucciso perché felice

È naturale, davanti a un'ammissione di questo tipo, reagire con i sentimenti più irrazionali e rabbiosi: «L'ho ucciso perché aveva un'aria felice». Questa la notizia esplosa ieri sui media e, manco a dirlo, sui social network. Non si sapeva nulla, fino a ieri, del killer dei Murazzi a Torino. Stefano Leo era stato ucciso il