Negli ultimi tempi mi è capitato spesso di ricevere, dai clienti, la fatidica domanda: devo metterci la faccia, sui social?

Devo fare video, dirette, devo postare foto mie, cosa devo fare?

La risposta è: dipende.

Metterci la faccia è importante nel caso tu abbia un’attività come libero professionista e ancora di più se la tua attività mette in gioco valori di tipo personale: Lara Zucchini, per esempio, in quanto coach e psicologa del benessere (ho scritto i testi del suo sito, ndr), utilizza una strategia sui social fortemente improntata sulla sua presenza personale. Lo trovo corretto e, per la sua attività, indispensabile. Per aiutare le persone a raggiungere i propri obiettivi, per fornire supporto psicologico, è importante dare un volto alla persona a cui pensiamo di affidarci, avere un’idea dei valori che condivide con noi.

Ci sono poi altre attività che forniscono prodotti o servizi meno personali, che vanno a influire in modo meno impattante sulla sfera emotiva, e dunque la presenza del professionista può essere eclissata o cancellata del tutto. Eppure io non lo farei, non completamente.

Intendiamoci: non sto parlando della Coca Cola o della Barilla, sto parlando di piccole attività, artigiani, freelance, ma anche blogger che parlano delle loro passioni o esperienze.

Perché metterci la faccia è importante

Perché il mercato è cambiato, è cambiata l’economia e il modo in cui si vende, il modo in cui si fa marketing. In qualsiasi settore sia la tua attività, ti sarai reso conto di come, adesso, i prodotti  e le campagne emozionali siano quelli che riscuotono maggiore successo. Siamo tutti diventati più piagnoni?

No, ma vogliamo avere a che fare con persone, non con business. Se dobbiamo acquistare, vogliamo spendere i nostri soldi su qualcosa o qualcuno che ci ispiri fiducia e con cui condividiamo determinati valori, tanto più che ora moltissimi acquisti vengono fatti online.

Cancella dalla mente il modello Business to Business o Business to Customers. Ora, l’unico modello che conta davvero è quello Human to Human.

Se entriamo, per esempio, nel grande mondo della consulenza, di qualsiasi genere, dal marketing stesso al coaching di cui sopra, fino alla consulenza legale o immobiliare, ci piace sapere a chi ci stiamo rivolgendo. Andiamo a vedere sui social per capire chi è questo qua di cui abbiamo avuto il nome, guardiamo cosa pubblica, ci facciamo un’idea del suo approccio.

Quindi, per rispondere alle domande dei clienti sul metterci la faccia o meno, è sempre necessario valutare caso per caso, attività per attività e pensare la strategia giusta per non snaturare il carattere della persona. Ma metterci la faccia, ora come ora, resta un aspetto importante.

Qualche consiglio se proprio non vuoi metterci la faccia

Se non ti senti portato per i social, cosa che sento dire sempre di più, sarebbe meglio non aprire affatto dei canali a cui poi, se vuoi che funzionino, dovresti dedicare del tempo, a meno che non ne affidi la gestione a qualcuno. La regola numero 1, secondo me, è questa: scegli canali che ti piacciano.

Detto questo, ci sono persone molto portate per comparire nelle loro strategie attraverso foto e video, e altre che invece non lo sono affatto, per timidezza, per discrezione, o per tanti altri buoni motivi.

Cosa fare in quel caso?

Innanzitutto, se stai cercando qualcuno che ti aiuti con la strategia sui social, scegli un professionista che non ti forzi a fare cose che non ti va di fare. Fare analisi e determinare i valori dell’attività, il target e anche il tono di voce serve anche a questo: a capire qual è il modo migliore per comunicare. Comunicare, nel caso di freelance e piccole attività, significa spesso comunicare una persona, una personalità specifica, soprattutto nel caso di artigiani o artisti.

Secondo, puoi farti fare foto che comunichino come sei. Che comunichino la tua timidezza, la tua discrezione, la tua professionalità, la tua sensibilità. Puoi utilizzare proprio quello che adesso ritieni essere un freno, come un punto di forza!

Ti faccio l’esempio di Valentina Carenzo, che seguo su Instagram. Trovo il suo feed assolutamente in grado di comunicare chi è Valentina senza che la sua presenza sia troppo ridondante.

Come vedi, lei utilizza grafiche molto belle, uniformi, coerenti, che rendono il feed gradevole e che non richiedono di essere costantemente presenti con il proprio viso.

Se sei una persona spigliata e non ti spaventa parlare davanti allo smartphone, ti consiglio caldamente di fare video e dirette inerenti alla tua attività. Puoi dare consigli, puoi creare tutorial, puoi creare contenuti utili, di valore per chi ti segue. Che poi, un domani, quando dovrà fare un acquisto nel tuo settore, probabilmente si ricorderà della tua faccia.

Se non ti va di fare video e dirette, non farlo! Risulterebbe una costruzione forzata, e ci perderesti.

Ci sono altri modi per popolare un feed Instagram ma anche la propria pagina Facebook:

  • utilizza grafiche, come dicevo sopra. Possono contenere tips, consigli, elenchi, informazioni. L’importante è utilizzare una grafica omogenea e coerente, anche con i propri colori. Prova Canva, se già non lo conosci!
  • Sfrutta i contenuti del tuo blog, sia su Facebook che su Instagram invitando a visitare il tuo articolo e dando piccole anticipazioni. Per presentare gli articoli, utilizza le immagini che hai scelto sul tuo sito.
  • Fotografa i tuoi prodotti, se li hai, in tutte le loro salse e situazioni.
  • Se proponi servizi, scegli foto da downloadare da internet sui siti che le propongono gratuitamente, oppure falle tu, su oggetti o paesaggi che richiamino i valori che proponi con i tuoi servizi. Un sentiero può indicare un percorso da fare insieme, una luce può suggerire chiarezza, e così via.
  • fotografa un particolare di te: la tua tazza di caffè al mattino, la tua agenda, il tuo computer mentre scrivi, i tuoi piedi mentre cammini. Puoi mettere la faccia su foto in cui sei di profilo, se ti mettono in imbarazzo i primi piani. Fatti fotografare mentre parli, mentre leggi, in un atteggiamento che non ti crei imbarazzo.

Spero che i miei consigli ti siano stati d’aiuto. Se vuoi continuare a riceverli, iscriviti alla newsletter al form qui sotto.

Fammi sapere, naturalmente, cosa ne pensi di questo argomento: ci metti la faccia per la tua attività?