Arte

I personaggi di Scrivi: Marcello

Siamo arrivati alla fine di questo viaggio alla scoperta dei personaggi di Scrivi, il mio romanzo d'esordio! Nelle ultime settimane vi ho presentato Dorotea, Celeste e Igino attraverso le illustrazioni di Federica Giglio  Concludiamo con un personaggio fondamentale, Marcello. Ho scelto di mostrare Marcello con due colori, perché  è presente in Scrivi in due momenti: un

I personaggi di Scrivi: Marcello2019-07-19T11:36:35+00:00

I personaggi di Scrivi: Igino

Igino Ecco a voi un altro personaggio di Scrivi, il mio romanzo d'esordio! Nelle ultime settimane vi ho presentato Dorotea e Celeste attraverso le illustrazioni di Federica Giglio  Questa settimana è la volta di Igino:  Igino è un affascinante marinaio che ama il suo lavoro in Marina e colleziona una donna in ogni porto. Mentre

I personaggi di Scrivi: Igino2018-12-19T09:42:36+00:00

I personaggi di Scrivi: Celeste

Celeste Ecco a voi l'altra co-protagonista di Scrivi, il mio romanzo d'esordio! La settimana scorsa ho iniziato la carrellata di personaggi con Dorotea, attraverso le illustrazioni di Federica Giglio  Questa settimana è la volta di Celeste:  Celeste nasce a Pennabilli nel 1914, in piena Grande Guerra, e attraversa il Novecento: la fame, la povertà, una

I personaggi di Scrivi: Celeste2018-12-12T08:26:34+00:00

Vi presento i personaggi di Scrivi: Dorotea

Dorotea Eccola, la (co)-protagonista di Scrivi, il mio romanzo d'esordio!  È con lei che ho deciso di inaugurare una serie di presentazioni, sui miei social e qui sul blog, dei personaggi del mio romanzo. Per meglio descriverli, mi sono avvalsa della mano artistica di una bravissima illustratrice, Federica Giglio  Federica ha risposto con entusiasmo alla

Vi presento i personaggi di Scrivi: Dorotea2018-12-05T13:01:10+00:00

Perché scrivo

Scrivere è il verbo che ha contraddistinto in maniera preponderante gli ultimi dieci mesi della mia vita. Forse dovrei dire tutta la mia vita, ma qualcosa di significativo è accaduto quest'anno e mi ha permesso di evolvere in una nuova direzione. Tu che mi stai leggendo, hai mai pensato a quale verbo corrisponde il tuo

Perché scrivo2018-09-18T13:39:34+00:00

Al contrario subito fui

Egon Schiele - Four Trees Nella mia valle un’adunanza indico Prima d’entrare, sull’uscio ogni certezza lasciare ‘Che noi che qua viviamo di speranze ancora ci nutriamo. Pertugi per infilar le regol vostre Dietro di voi si collocan chiostre Che il pensier vostro leggero sia Quando la mia valle senza salite passate La prima

Al contrario subito fui2018-08-29T08:26:48+00:00

Preghiera dall’universo

    Camminerai sicura nell’oscurità I tuoi passi si poseranno senza timore Sul suolo che non ti sarà possibile riconoscere. Dalla tempesta più torrenziale Uscirai indenne, a capo scoperto e asciutto.   Percorrerai con mani e piedi Strade lastricate di braci ardenti Ma non un dolore avvertirai sulla pallida pelle tua   Non posso prometter

Preghiera dall’universo2018-07-10T16:21:46+00:00

Notte senza giorno

Distese di grano nell’ovest del mondo mostri d’acciaio passano e raccolgono Qua non arriva nulla All’ultimo degli indirizzi della terra   Fragore di tuono nel buio affamato Lontano, non abbastanza Lampi nel cielo Ritmico sferraglio da qualche parte Qualcuno sta morendo Per il momento, non sono io.   Per un attimo torna il silenzio Non

Notte senza giorno2018-06-05T17:36:43+00:00

Lo sguardo sordo

L’uomo sale lentamente le scale del palazzo, contando gli scalini, quaranticinque fino alla sua porta. L’odore acre dell’umidità penetra nelle sue narici. Arrivato alla sua porta, estrae la chiave e la gira nella toppa. Silenzio all’interno dell’appartamento. Dalla cucina di fronte a lui proviene il rumore sordo di un pacco di latte che precipita sul

Lo sguardo sordo2018-05-31T07:40:08+00:00

Insegnami a scendere sugli sci

Seduta non raggiungevo il tavolo Aroma di biscotti secchi L’antica bacinella bianca avanzava dal corridoio buio Sciabordante come scialuppa Luccicante nella tempesta Attendevo quieta. Sopra il tavolo la schiuma morbida usciva da un serpente di plastica Ti sedevi con equilibrio, la scialuppa si posava Il pennello strofinavi energico sulle tue guance rubiconde riflesse nello specchio

Insegnami a scendere sugli sci2018-05-29T11:20:07+00:00