5 tool gratuiti per trovare keywords

Come trovare le keywords giuste e non restare senza idee per il blog: per questo articolo ho selezionato i 5 tool gratuiti che puoi utilizzare.

Nel nostro lavoro di SEO è possibile investire in tool professionali che, oltre a mostrare keyword appetibili per i piani editoriali, analizzano anche la concorrenza e i dati di traffico relativi. Si tratta, però, appunto, di strumenti professionali con costi in alcuni casi anche elevati.

Come fare, allora, per attingere da una riserva di parole chiave, magari senza conoscere per forza volumi e competitor, ma per poter rimpinguare il proprio piano editoriale e trovare keywords senza navigare completamente alla cieca da una parte e, dall’altra, senza spendere una fortuna? Ecco da dove nasce questa ricerca e questo articolo!

Spesso uso anche io i tool che troverai continuando a leggere l’articolo, nonostante mi appoggi all’abbonamento di SEO Tester Online : nella fase di analisi di un progetto è giusto e consigliabile valutare tutti i canali a nostra disposizione (soprattutto nel caso di Google Trends, lo vediamo sotto).

Ma passiamo subito all’argomento di questo articolo: i 5 tool gratuiti per trovare le keywords!

Tool per la ricerca di keywords totalmente gratuiti: i 5 migliori che puoi utilizzare

  1. Google Trends
  2. Google suggest
  3. Le persone hanno chiesto anche…
  4. SuggestMrx
  5. Il pensiero

Strumento di Google gratuito per eccellenza (così come Analytics e Search Console), Trends mostra gli argomenti più ricercati per diversi periodi di tempo (l’ultimo anno, gli ultimi 90 giorni, l’ultima settimana o addirittura le ultime ore), quelli che stanno avendo dei picchi nelle ricerche e che dunque potrebbero essere ancor più interessanti per l’immediato futuro. Si distingue tra query secca (perciò ricerca inserita dagli utenti su Google) oppure argomento. Puoi decidere di indicare a Google Trends un argomento specifico sul quale vuoi essere aggiornata giornalmente, settimanalmente o mensilmente. Se, infatti, hai un magazine di notizie, Google Trends è utilissimo per verificare gli interessi degli utenti in tempo reale e anche da un punto di vista geografico. Ma in questo caso potresti aver bisogno di consultare tu stessa, giornalmente, il tool, senza attendere i suoi aggiornamenti che non sono sempre freschissimi. Perfetto, invece, per un piano editoriale che gira intorno a specifici argomenti e sui quali vuoi verificare i trend su base mensile. Attenzione, quando inserisci la ricerca, a individuare l’area semantica corretta: anche in questo caso, infatti, Google può sbagliare e confondersi, dando risultati abbastanza discutibili, quindi non indicare nulla può essere del tutto fuorviante rispetto alla tua ricerca e sembrarti inutile. In realtà, se utilizzato nel modo giusto, può dare soddisfazioni.

Google suggest

Di ancor più semplice e immediato utilizzo di Google Trends, i suggerimenti di Google, forniti direttamente sul motore di ricerca, sono in realtà preziosissimi. È sufficiente iniziare a digitare una ricerca e ne compariranno tante altre proprio sotto la barra di ricerca. Ecco una fonte inesauribile di idee per il tuo blog! Consiglio: in ogni caso, quando si ha in mente un argomento ma manca il tema specifico per l’articolo, controllare direttamente in serp (la schermata dei risultati dei ricerca di Google) è utile non solo per Google suggest, bensì anche per analizzare i risultati.

tool gratuiti per trovare keyword

Le persone hanno chiesto anche…

Altra funzione di Google che compare direttamente in serp, solitamente tra i primissimi risultati di ricerca, anche se non per tutte le ricerche. Le persone hanno chiesto anche è uno strumento che suggerisce ricerche correlate, consentendoti quindi di variare il piano editoriale su uno specifico tema. Su questo ti consiglio anche un sito veramente figo che fa lo stesso lavoro del “le persone hanno chiesto anche…” ma permette di estrapolare le ricerche e le esplode letteralmente in mappe semantiche molto interessanti. Si chiama alsoasked.com ed è gratuito anche questo!

SuggestMrx

Un tempo c’era Merlinox suggest, oggi è diventato SuggestMrx, un tool molto carino e utile, tutto italiano, che permette di vedere ricerche correlate intorno a quell’argomento. Un po’ come Google suggest ma almeno in questo caso si possono esportare e salvare le keywords per un secondo momento. E funziona anche per YouTube!

Il pensiero (il tuo!)

Quest’idea non è affatto originale, lo so, e peraltro non sono la prima a parlarne, ma cito per questo Giorgio Taverniti che lo ha definito il tool gratuito più utile per trovare parole chiave utili alla SEO: il tuo cervello.

Gli articoli che ho scritto chiedendomi quali fossero le ricerche che le persone potevano fare intorno agli argomenti del mio lavoro sono stati quelli che si sono posizionati meglio. Ma è anche il valore aggiunto che posso fornire ai clienti oltre a innumerevoli strumenti di analisi e ricerca per costruire il benedetto piano editoriale di un progetto SEO: nulla funziona meglio della logica e del pensiero applicato al contesto, incrociando dati, target e offerta. Non esistono argomenti su cui le persone non cercano nulla, ma esistono gli argomenti giusti (e le ricerche giuste) per il tuo settore. Porto sempre questo esempio perché è immediato e capita spessissimo di incontrarlo sui siti che lamentano carenza di traffico: il famigerato blog con i soli articoli relativi ai festeggiamenti per l’anniversario dell’azienda, oppure la certificazione raggiunta, il corso per la sicurezza svolto dai collaboratori… come se questi “eventi” potessero interessare il cliente.

È intorno ai bisogni del cliente e a ciò che noi forniamo per soddisfarli che si costruisce davvero un piano editoriale a prova di traffico.

Vuoi davvero dare un booster al traffico del tuo sito? Contattami e raccontami cosa fai: vuoi vedere quante ricerche tiriamo fuori insieme?

Articoli correlati

keyword stuffing
seo trend 2023